Assorisparmiatori

You are here: Home arrow Focus arrow La procedura di portabilità del mutuo
La procedura di portabilità del mutuo
La procedura per la portabilità del mutuo prevista dall'ABI, se applicata dalle banche, prevede una notevole semplificazione per il risparmiatore in quanto include in un unico atto:

a) il contratto di mutuo tra la nuova banca ed il risparmiatore;

b) la quietanza di pagamento rilasciata dalla banca originaria;

c) il consenso alla surroga e l'annotazione della surroga stessa a margine dell'ipoteca originariamente iscritta.   

L'atto unico potrà essere redatto nella forma dell'atto pubblico o della scrittura privata autenticata per il  quale, tuttavia, occorre l'assistenza del notaio.   

Questa procedura dovrebbe garantire ai risparmiatori tempi certi per la fase della comunicazione del debito residuo, che non può superare i 15 giorni.

La procedura fissa in sei fasi l'iter di completamento della stessa:

1) L'avvio della procedura da parte del risparmiatore presso la nuova banca.

2) La richiesta alla banca originaria dell'importo del debito residuo del risparmiatore.

3) L'analisi della fattibilità dell'operazione da parte della nuova banca.

4) La comunicazione alla nuova banca dell'importo del debito residuo.

5) La stipula del nuovo contratto di mutuo.

6) L'annotazione della surroga dell'ipoteca in conservatoria.
 
< Prec.   Pros. >

Contatti

E-mail:
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo





SEGUICI SU FACEBOOK 

 

 

Diffidate dalle imitazioni

Assorisparmiatori,
l’unica associazione dei risparmiatori che nel 2003 ha organizzato cause collettive per gli obbligazionisti Cirio;